Rassegna Stampa


Fedrica Innella Addetta stampa

      ufficiostampa@tsnbologna.it        

1° TROFEO NAZIONALE DEL RANKING

I MIGLIORI RISULTATI DEGLI ATLETI BOLOGNESI al
1° TROFEO NAZIONALE RANKING 2019
 
Presso il poligono di Verona, a fine marzo, si è svolto il Primo Trofeo Nazionale Ranking del 2019: una gara nazionale valida per l’ammissione alla Finale dei Campionati Italiani Individuali.
Questa competizione è stata particolarmente importante perché la prima dell’anno in cui gli atleti si sono cimentati nelle specialità a fuoco e, soprattutto, è stata la prima in cui si è attuato il nuovo regolamento. Con il nuovo regolamento sono state, infatti, introdotte novità che hanno il sapore di una piccola rivoluzione: le donne hanno ora la possibilità di mettersi alla prova nelle specialità della Pistola Automatica e della Pistola Libera, riservate per tradizione esclusivamente agli uomini e, viceversa, gli uomini hanno ottenuto quella di gareggiare nella Pistola Sportiva, tradizionalmente riservata solo a donne e juniores.
Gli atleti bolognesi hanno conquistato nelle varie specialità di pistola 5 medaglie d’oro, 4 d’argento e 6 di bronzo; mentre nelle specialità di carabina 3 argenti e 2 bronzi.
Sono saliti sul gradino più alto del podio: Angelo Di Crescenzo nella Pistola Libera (Uomini – Gruppo A), Bruno Sconocchia nella Pistola di Grosso Calibro (Uomini – Gruppo A), Jodi Nerini nella Pistola Automatica (Juniores Uomini) specialità per la quale è stato recentemente convocato in Nazionale, Mirco Azzalin nella Pistola Standard (Uomini – Gruppo B) e, infine, sempre nella Pistola Standard ma nel Gruppo C, Luca Capasso.
            Due medaglie d’argento sono state vinte da Andra Iuliana Burlacu nella Pistola Sportiva (Donne – Gruppo A) e, all’esordio, nella Pistola Automatica. Giovanni Bertani è argento nella Pistola Sportiva Paralimpica (P3) e Davide Savoia nella Pistola Libera a 50 metri (Juniores Uomini), oltre che bronzo nella Pistola Automatica.
Altre tre medaglie d’argento sono arrivate dagli atleti della carabina: Davide Filippini nella Carabina tre posizioni (Uomini – Gruppo A), Adamo Russo in quella a terra (sempre Uomini – Gruppo A) e Arianna Angeli nella Carabina Sportiva a terra (Donne – Gruppo B).
            Terzo gradino del podio nella Pistola Automatica per Roberto Ghedini (Uomini – Gruppo B) e Alessandro Ferroni (Uomini – Gruppo A), quest’ultimo a parità di punteggio con il quarto classificato e compagno di squadra Andrea Legnaro, superato per una manciata di mouches (ossia centri perfetti). Bronzo anche per Antonio Terrasi nella Pistola Grosso Calibro (Master Uomini), per Giacomo Vancini nella Pistola Standard (Uomini – Gruppo C), per Giovanni Bertani nella Pistola Libera Paralimpica (P4) e per Jodi Nerini in due specialità: Pistola Libera e Pistola Sportiva (Juniores Uomini).
Lucio Filippini terzo classificato nella Carabina a terra (Master Uomini) ed Arianna Angeli nella Carabina Sportiva tre posizioni (Donne – Gruppo A).

Comunicato stampa 2° gara regionale federale a Vergato

TIRO A SEGNO:
 
I MIGLIORI RISULTATI DEGLI ATLETI BOLOGNESI ALLA 2°GARA REGIONALE FEDERALE 2019
 
Al poligono di Vergato gli atleti bolognesi impegnati nella 2°gara regionale 2019, esclusivamente nelle specialità ad aria compressa, sono stati premiati da una pioggia di medaglie.
            Sul gradino più alto del podio sono saliti ben 12 bolognesi, equamente ripartiti tra carabina e pistola. Per la carabina abbiamo: Alberto Biavati nel bersaglio mobile (Uomini – Gruppo A), Giulia Mainetti (Juniores Donne – J1) con l’ottimo punteggio di 615, Fabio Angelini (Juniores Uomini – J2), Luca A. Ponsillo che nella carabina 3 posizioni Ragazzi ha realizzato il nuovo record bolognese e, infine, i tiratori di carabina di più lunga esperienza Adamo Russo (Uomini – Gruppo A) e Lucio Filippini (Master Uomini – Master).
            Per la specialità di pistola le medaglie d’oro sono andate a: Gabriele Bacchilega (Uomini – Gruppo SA), Armando Monti (Master Uomini – GM), Andra J. Burlacu (Donne – Gruppo A), Elena Pugliese (Donne – Gruppo B) che, dopo tanto impegno, ha meritatamente conquistato il podio realizzando un ottimo punteggio, Jodi Nerini, (Juniores Uomini – J1) che dimostra così di aver giustamente guadagnato il recentissimo ingresso tra i tiratori juniores di interesse nazionale e, infine, Federico N. Maldini che, con un bellissimo 571, conferma il talento che gli permette di far parte della Nazionale Juniores.  
            Nove sono state, inoltre, le medaglie d’argento, tre di queste vinte dagli atleti della carabina: Francesco D’Angelo (Uomini – Gruppo B), Martina Marchesini (Juniores Donne – J1) che ha chiuso la gara con un ottimo 615 e, infine, dal giovanissimo Giovanni Demofonti, nella categoria Allievi.
Nella specialità di pistola, si sono aggiudicati il secondo posto: Gabriella Calzolari (Master Donne) con un buon 540, Fabiola Orsoni (Donne – Gruppo B), Sandro Paternoster (Uomini – Gruppo B) che, in ottima forma, realizza 558 punti, Angelo Di Crescenzo (Uomini – Gruppo C), che ha saputo gestire un’ottima gara conclusa con 552 punti e, per finire, il settore giovanile rappresentato da Davide Savoia (Juniores Uomini – J2) e Martino Gentilini (Ragazzi).
Medaglie di bronzo, infine, per Stefano Baratto (Allievi) e Luca A. Ponsillo (Ragazzi) nella carabina, per Luca Cioni all’esordio nella specialità della carabina 3 posizioni e per Martina Angori nella pistola Donne – Gruppo A.
 
 
Federica Innella
TSN Bologna

RISULTATI DEGLI ATLETI BOLOGNESI ALLA 1°GARA REGIONALE FEDERALE 2019

TIRO A SEGNO:

RISULTATI DEGLI ATLETI BOLOGNESI ALLA 1°GARA REGIONALE FEDERALE 2019

Presso il poligono di Rimini, il 02/03 ed il 09/10 febbraio scorsi, gli atleti del Tiro a Segno di Bologna hanno affrontato la prima gara regionale federale, che ha dato il via alla stagione sportiva 2019.
Numerosi gli agonisti bolognesi che hanno preso parte a questa competizione esclusivamente ad aria compressa: 51 adulti, di cui 4 del settore paralimpico, e ben 25 ragazzi del settore giovanile (tra questi 17 nelle specialità di carabina e 8 nella pistola).
Ventisette le medaglie vinte dai nostri tiratori, a dimostrazione di un buon livello di preparazione già ad inizio campionato.
Il settore giovanile della pistola ad aria compressa ha potuto contare sulle medaglie d’oro di Federico Nilo Maldini e Jodi Nerini tra gli Juniores Uomini (rispettivamente J1 e J2) conquistate con ottimi punteggi (571 Maldini e 553 Nerini), sulle medaglie d’argento di un Davide Savoia in buona forma tra gli Juniores Uomini - J2 e di Martino Gentilini tra i Ragazzi e, infine, sul bronzo di Sebastiano Schmitt tra gli Allievi.
Anche i colleghi della carabina ad aria compressa si sono distinti per i buoni risultati: Stefano Baratto primo classificato tra gli Allievi, Luca Antonio Ponsillo due volte primo con ottimi punteggi sia nella carabina che nella carabina tre posizioni Categoria Ragazzi e, nella stessa Categoria, Mattia Galli ha conquistato la medaglia di bronzo nella carabina tre posizioni.
Fabio Angelini è argento tra gli Juniores Uomini nella carabina, nonostante una gara un po’ sofferta ed è giusto segnalare anche il buon debutto, nella stessa Categoria, di Edoardo Elmi.
Eccellenti i punteggi della Squadra Juniores Donne di carabina, che ha dimostrato di aver acquisito un ottimo livello di preparazione nell’aria compressa grazie alle performances individuali di: Martina Marchesini oro, Giulia Mainetti argento e della compagna di squadra, Giorgia Capra, che si è comunque classificata al quarto posto, consentendo alla Squadra di piazzarsi in testa a livello regionale.
Veniamo ora al settore “adulti”.
Le atlete rossoblù nella specialità della pistola ad aria compressa hanno conquistato 4 medaglie: due d’oro per merito di Martina Angori (tra le Donne – Gruppo A) con un ottimo 553 e della grande esperienza di Fabiola Orsoni (Donne – Gruppo B) con un buon 541, una d’argento grazie alla sempre forte Andra Juliana Burlacu (tra le Donne – Gruppo A) ed una di bronzo grazie alla tenace Elena Pugliese (tra le Donne – Gruppo B).
Sempre nella specialità di pistola, ma nelle Categorie maschili: tra i Master Uomini - GM Armando Monti si è aggiudicato il terzo posto (con un buon 550); tra gli Uomini - Gruppo C terzo posto anche per Angelo Di Crescenzo, che ha preceduto di poco il compagno di Squadra Luca Capasso (quarto nonostante abbia disputato una bella gara); tra gli Uomini - Gruppo B Sandro Paternoster si è posizionato al secondo posto; primo posto, invece, per Gabriele Bacchilega tra gli Uomini - Gruppo SA (con un punteggio davvero alto: 568) e per Giovanni Bertani nella specialità paralimpica P1.
Per finire, nella specialità di carabina, gli atleti senior del TSN Bologna hanno ottenuto una medaglia di bronzo, due d’argento e tre d’oro.
Georgiana Bazdoaca ha disputato una gran bella gara e, con un eccellente 624, si è piazzata al terzo posto nella specialità di carabina paralimpica R3 dietro a due atleti della Nazionale.
La talentuosa Fulvia Pitteri si è classificata seconda tra le Donne – Gruppo A, con un ottimo 604.2; secondo posto anche per Adamo Russo, tra gli Uomini – Gruppo A, nella gara che segna il suo graditissimo ritorno come agonista del TSN Bologna dopo diversi anni trascorsi a gareggiare per altri poligoni della Regione. Oro, infine, per Francesco D’Angelo nella Categoria Uomini – Gruppo B e per Elisa Menegon e Diego Gnesini rispettivamente nelle specialità paralimpiche R2 ed R5.
Il prossimo appuntamento per i nostri atleti è alla seconda gara regionale federale, che avrà luogo presso il Tiro a Segno di Vergato il 02/03 ed il 09/10 Marzo p.v.


Bologna, 13 febbraio 2019

Federica Innella
TSN Bologna



Premio UITS 2018


IL TSN BOLOGNA RICEVE IL PREMIO UITS 2018

A Milano, alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e del pluri-premiato campione olimpico Niccolò Campriani, il Commissario Straordinario dell'Unione Italiana Tiro a Segno (UITS) Francesco Soro, ha consegnato i Premi UITS riservati alle tre migliori Sezioni che in ogni Regione si sono distinte per i risultati sportivi nell'ambito dell’attività giovanile e per l’incremento del numero dei tesserati.
La Sezione di Bologna è stata premiata come prima classificata per la Regione Emilia Romagna, seguita da Ravenna e Parma, ricevendo la somma di € 5.250 da investire nello sviluppo dell’attività giovanile ed agonistica.
Molto soddisfatta la delegazione Rossoblù che ha ritirato il premio e che era composta dal Presidente Maurizio Barbieri, dal Vice Presidente Bruno Sconocchia, dall’atleta della Squadra Nazionale Juniores Federico Nilo Maldini e da Maurizio Calzolari, Presidente del Comitato Regionale UITS dell’Emilia Romagna.
Un doveroso ringraziamento va agli allenatori, ai giovani atleti ed alle loro famiglie nonché, più in generale a tutto lo staff che, lavorando quotidianamente, ha permesso il raggiungimento di questo risultato.
Bologna, 2 febbraio 2019

 Federica Innella

TSN Bologna

 
TIRO A SEGNO:
 
MALDINI CONQUISTA IL DIRITTO DI PARTECIPARE AGLI EUROPEI 2019
 
Il Tiro a Segno di Bologna è orgoglioso di comunicare che Federico Nilo Maldini ha fatto parte della Squadra italiana che ha partecipato all’H&N Cup 2019, a Monaco, aggiudicandosi sia la medaglia d’oro nella specialità della pistola ad aria compressa juniores, che la possibilità di partecipare ai Campionati Europei Juniores 2019 di Osijeck (Croazia), a marzo.
            L’H&N Cup di Monaco è da anni considerata il primo importante appuntamento della stagione sportiva a livello internazionale, vi partecipano atleti da ogni parte del mondo (dall’Australia alla Russia, da Singapore agli Stati Uniti), per testare il proprio stato di preparazione. Quest’anno la gara di Monaco ha rappresentato un’occasione di confronto ancora più significativa, perché svoltasi dal 23 al 27 gennaio, ossia meno di due mesi prima dei Campionati Europei Juniores 2019, che inizieranno il 17 marzo.
            Lo Staff Tecnico della Squadra Nazionale Juniores di pistola ha portato a Monaco quattro tiratrici e quattro tiratori, tra cui il nostro Federico Maldini, con l’obiettivo di selezionare tra di loro le tre ragazze ed i tre ragazzi che rappresenteranno l’Italia agli Europei.
            Maldini, pur non essendo partito avvantaggiato, da giugno 2018 non partecipava a competizioni internazionali, ha dato prova di carattere e ha raccolto i risultati del duro lavoro che ha caparbiamente svolto nell’ultimo anno, riuscendo a vincere la gara con un ottimo punteggio (239,0) e guadagnandosi il diritto di partecipare ai prossimi Campionati Europei.
Una soddisfazione enorme ed una iniezione di fiducia per questo giovane atleta che, reduce dalla stagione sportiva 2018 costellata da momenti difficili e delusioni, prima fra tutte l’esclusione dalla rosa dei convocati per i Campionati Mondiali, ha saputo reagire con forza, impegnandosi per perfezionare la tecnica e la preparazione fisica, allenandosi con determinazione e lasciandosi guidare da allenatori che, intuite le potenzialità, hanno saputo prepararlo nel modo migliore, senza mai metterlo sotto pressione.
 
La conseguenza di tutto ciò è stata un’ottima prestazione sportiva, che si è concretizzata in un punteggio alto, al termine di una finale che era la prima per lui e che per regolamento si svolge con tempi di tiro molto dilatati, dunque ancora più pesanti da sostenere emotivamente per un atleta come lui che ama la velocità di esecuzione, ma in cui è rimasto sempre concentrato e sempre saldamente in testa.
Molto orgogliosi gli allenatori: Sabine Ida Marta, tecnico della Nazionale Juniores e Maurizio Calzolari, allenatore del Tiro a Segno di Bologna, che ora hanno il compito di prepararlo per il prossimo importante appuntamento di marzo.
 
Bologna, 28/01/2019
 
Federica Innella
Tiro a Segno di Bologna

CAMPIONATI ITALIANI 2018 A BOLOGNA


- GLI ATLETI BOLOGNESI SUL PODIO -
 
Il Tiro a Segno Nazionale Sezione di Bologna è lieto di comunicare i risultati migliori conseguiti dai propri atleti nel corso dei Campionati Italiani 2018.
 
MEDAGLIA D’ORO e TITOLO di CAMPIONE ITALIANO 2018:
-       Maldini Federico Nilo: nella Pistola Libera, Categoria Junior, con l’ottimo punteggio di 535 (è un atleta della Squadra Nazionale Junior dal 2017);
-       Menegon Elisa: nella specialità paralimpica R2, ossia nella carabina aria compressa 10 m donne con disabilità;
-       Sconocchia Bruno: nella Pistola Standard, gruppo B, medaglia inaspettata, in una specialità che non ama particolarmente;
-       Possamai Luca: nella Pistola Standard, gruppo C;
 
-       Squadra di Pistola Libera Junior: composta da Federico Nilo Maldini, Jodi Nerini e Davide Savoia, si aggiudica il titolo italiano junior con un ampio margine di distacco dalla squadra seconda classificata. Hanno un’età media di 15-16 anni!
 
-       Squadra di Pistola ad aria compressa Junior: composta sempre da Federico Nilo Maldini, Jodi Nerini e Davide Savoia, si aggiudica il titolo italiano junior anche in questa specialità.
 
MEDAGLIA D’ARGENTO e TITOLO di VICE - CAMPIONE ITALIANO 2018:
-       Bertani Giovanni: atleta disabile, conquista il secondo posto nella Pistola ad aria compressa, denominata P5;
-       Filippini Davide: nella specialità Carabina Libera 3 posizioni categoria Uomini gruppo A;
-       Filippini Lucio: nella specialità Carabina Libera 3 posizioni, categoria Master Uomini, con un solo punto di distanza, anche per lui, dal primo classificato;
-       Gnesini Diego: nella Carabina Libera a Terra ad aria compressa 10 m, una specialità paralimpica denominata R5, si vede sfuggire il titolo italiano per un solo punto;
-       Maldini Federico Nilo: nella Pistola aria compressa 10 metri, categoria Junior Uomini gruppo 2.
 
-       Squadra di Pistola Libera Uomini: composta da Gabriele Bacchilega, Antonio Scordamaglia e Luca Possamai confermano i buoni risultati delle prove di qualificazione.
 
 
MEDAGLIA DI BRONZO – TERZI CLASSIFICATI:
-       Bertani Giovanni: nella P3 pistola sportiva 25 metri disabili;
-       Burlacu Andra: nella Pistola Sportiva Donne, gruppo A, orgoglio del TSN Bologna;
-       Calzolari Maurizio: nella Pistola Standard, gruppo C;
-       Filippini Lucio: nella Carabina Libera 3 posizioni nella categoria Master Uomini, ad un solo punto di distanza dal 2° classificato;
 
-       Squadra di Pistola Sportiva Donne: composta da Andra Burlacu, Martina Angori e Sofia Tampellini, giovani atlete bolognesi che in questa stagione sportiva ci hanno regalato tante soddisfazioni.
 A BOLOGNA
LA FINALE DEI CAMPIONATI ITALIANI DI TIRO A SEGNO 2018
 
Il Tiro a Segno Nazionale di Bologna ha ospitato, dal 25 al 29 luglio scorsi, presso la sua sede di via Agucchi, la Finale dei Campionati Italiani 2018 di Tiro a Segno. La particolarità di questa finale risiede nel fatto che, per la prima volta in assoluto, essa si è svolta riunendo, nella stessa struttura sportiva e nello stesso periodo, le Finali dei tre Campionati: Seniores-Master, Juniores-Ragazzi-Allievi e Paralimpici. Era, pertanto, necessario un impianto sportivo di ampie dimensioni, moderno e completamente accessibile ai disabili, con una adeguata capacità organizzativa e di accoglienza per poter gestire un numero di atleti e di accompagnatori che si prospettava decisamente elevato; ecco perché l’Unione Italiana Tiro a Segno (UITS) ha scelto il Poligono di Bologna  che, oltretutto, è facilmente raggiungibile con qualsiasi mezzo di trasporto e da ogni parte d’Italia.
Un esperimento, quello tentato a Bologna dall’UITS, che si è rivelato un vero e proprio successo, con il Poligono rossoblù pacificamente invaso per cinque giorni da una folla di persone di ogni età, provenienti da tutta la Penisola.
Hanno partecipato alle Finali circa 1.370 atleti, per un totale di 2.168 prestazioni sportive. In questa edizione la Regione più rappresentata è stata la Lombardia con 170 tiratori, seguita da Lazio (135) ed Emilia Romagna (130), mentre la Sezione con il maggior numero di atleti qualificati è stata quella di Roma con 72 partecipanti, seguita da Napoli (64) e Milano (58). L’età degli atleti ha coperto un range molto ampio: dagli 11 anni degli Allievi più giovani, agli over 65 dei Master e GranMaster, così suddivisi:   

Oltre 3.000 persone, tra atleti ed accompagnatori costituiti spesso da intere famiglie, si sono avvicendate presso il TSN Bologna durante i cinque giorni di gara, un’affluenza che è andata ben oltre le aspettative degli organizzatori, stupiti loro stessi dell’affollamento, sia pure ordinatissimo, che ha popolato gli stand di tiro durante le competizioni. La macchina organizzativa, tuttavia, ha retto bene, grazie all’esperienza e all’instancabile lavoro dello staff bolognese, già abituato a fare squadra ed a gestire gli imprevisti che sempre accompagnano i grandi eventi (quali, negli anni passati, Campionati Europei e Finali di Coppa del Mondo).
Ad inaugurare la kermesse sono stati gli atleti paralimpici, in tutto 64 (36 gareggiavano nelle specialità di pistola e 28 in quelle di carabina), che hanno potuto sfidarsi in una struttura sportiva completamente libera da barriere architettoniche, in contemporanea con gli atleti normodotati e con le stesse procedure internazionali stabilite dall’ISSF (International Shooting Sport Federation).
In questo modo si è concretamente realizzato l’obiettivo, troppo spesso solo enunciato, di favorire attraverso lo sport del tiro a segno azioni di integrazione sociale e di aggregazione tra soggetti disabili e normodotati.
Negli stessi giorni, presso il Tiro a Segno di Bologna, si sono svolte anche le c.d. Classificazioni Paralimpiche dei nuovi atleti diversamente abili, finalizzate ad attribuire loro, in base al tipo di disabilità riscontrata, la categoria sportiva di appartenenza per le future competizioni di tiro a segno cui prenderanno parte.
Motivo di orgoglio per la Sezione bolognese è stata Elisa Menegon, atleta paralimpica, che nella specialità della Carabina ad Aria compressa Donne (R2-SH1), ha vinto il titolo assoluto con 593.4 e stabilito il record italiano.
Quello della Menegon non è stato, tuttavia, l’unico nuovo record italiano stabilito durante queste Finali, ne sono stati registrati altri tre: nella Carabina Sportiva 3 posizioni Donne la pluripremiata campionessa Petra Zublasing (Centro Sportivo Carabinieri), ha raggiunto il nuovo record italiano con 454.7; nella specialità paralimpica della Carabina ad Aria compressa R4-SH2, è il milanese Andrea Liverani a stabilire il nuovo record con 632.6, mentre nella Pistola Sportiva Junior Donne, Margherita Brigida Veccaro (TSN Treviglio), ha fissato il nuovo record italiano con il punteggio di 24.
La Sezione di Tiro a Segno Nazionale che ha vinto il maggior numero di medaglie durante queste finali è stata quella di Roma, seguita da Napoli e Milano, ma anche la Sezione ospitante si è distinta per i buoni risultati.
Sono Campioni Italiani i bolognesi: Federico Nilo Maldini (nella Pistola Libera Junior), Bruno Sconocchia (nella Pistola Standard Gruppo B), Luca Possamai (nella Pistola Standard Gruppo C) e, infine, le Squadre Juniores bolognesi di Pistola Libera e di Aria compressa, composte entrambe da Federico Nilo Maldini, Jodi Nerini e Davide Savoia.
Argento e titolo di Vice-Campioni Italiani per i rossoblù: Giovanni Bertani (nella Pistola ad Aria compressa Para, P5), Diego Gnesini (nella Carabina a Terra ad Aria compressa Para, R5), Filippini Davide (nella Carabina Libera 3 posizioni Uomini Gruppo A), Lucio Filippini (nella Carabina Libera 3 posizioni Master Uomini), Federico Nilo Maldini (nella Pistola Aria compressa Junior Uomini Gruppo 2) e, infine, per la Squadra di Pistola Libera Uomini: composta da Gabriele Bacchilega, Luca Possamai e Antonio Scordamaglia.
Bronzo, infine, per gli atleti bolognesi: Giovanni Bertani (nella Pistola Sportiva Para, P3), Andra Burlacu (nella Pistola Sportiva Donne Gruppo A), Maurizio Calzolari (nella Pistola Standard Gruppo C), Lucio Filippini (nella Carabina Libera 3 posizioni Master Uomini) e per la Squadra di Pistola Sportiva Donne, composta da Andra Burlacu, Martina Angori e Sofia Tampellini.
Tanti gli ospiti che hanno assistito alle competizioni, dai rappresentanti delle Istituzioni sia civili che militari, ai Big dello sport del Tiro a Segno come i Campioni olimpici Valentina Turisini, Roberto Di Donna e Niccolò Campriani. Proprio quest’ultimo, sabato 28 luglio, ha incontrato i giovani ed i loro genitori, per rispondere alle curiosità riguardanti la sua carriera sportiva e, più in generale, lo sport del tiro a segno. Una conversazione informale e divertente che testimonia la volontà dell’Unione Italiana Tiro a Segno di trasformare le Finali dei Campionati Italiani in un vero e proprio evento festoso, sempre più aperto al pubblico di ogni età ed alle famiglie, con appuntamenti di richiamo a margine, capaci di attrarre l’attenzione di giornalisti e persone non addette ai lavori, così da farli interessare a questa realtà sportiva.
In conclusione, è corretto affermare che la formula dei tre Campionati Italiani (Senior, Junior e Para) riuniti a Bologna in una sola grande manifestazione, è stata un’esperienza positiva e, sull’onda di questo successo, pare che l’UITS sia intenzionata a mantenerla anche per l’edizione 2019 che, con grande probabilità, si svolgerà ancora a sotto le due torri.
Per lo Staff del TSN Bologna sarà, dunque, un 2019 di intenso lavoro per arrivare preparati ai Campionati Italiani di luglio ed ai Campionati Europei di settembre.
 
 
Federica Innella
TSN Bologna